Blog di lacheffamiranda

Penne al tonno fresco con spiedino

Penne al tonno fresco con spiedino – I primi di pesce sono un must della cucina mediterranea, sono chic, ipocalorici, profumati e soprattutto buonissimi! Per tutti questi motivi credo che il pesce abbia conquistato le nostre tavole, a dire il vero penso che abbia un ruolo da protagonista su di esse. Le ricette della tradizione italiana sono tipiche delle zone marine, dei chilometri di coste del nostro paese dove ogni luogo ha le sue ricette legate al proprio habitat marino.
Nota bomba:
da provare anche gli spaghetti con pesce fresco

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaMediterranea

Ingredienti per le Penne al tonno fresco con spiedino

– Procuratevi gli ingredienti che serviranno, per esempio stilate una lista precisa per essere sicuri di non dimenticare niente. Di seguito un piccolo aiuto.
  • 300 gtonno (fetta)
  • 200 gpenne rigate
  • 2 gaglio
  • 25 gcapperi sotto sale
  • 2 gmenta
  • 1 q.b.sesamo (Nero)
  • 25 golio extravergine d’oliva
  • 12 gsale
  • 1 gpepe nero

Strumenti

Penne al tonno fresco con spiedino – Essere organizzati in cucina è essenziale, ci fa risparmiare tempo ed avere tutto a portata di mano è basilare. Un piccolo promemoria qui sotto.
  • 1 Pentola
  • 2 Padelle Moneta Etnea
  • 2 Spiedini
  • 1 Coltello
  • 1 Pentolino
  • 1 Contenitore

Preparazione

Procediamo alla preparazione del nostro piatto di penne al tonno.
  1. Penne al tonno fresco con spiedino

    Tagliare a cubetti la /le fette di tonno, metterne 4 pezzi per spiedino leggermente distanziati tra loro. Il resto dei cubetti tritarli un pò di più.

    Dissalare i capperi in un pentolino con acqua poi tritarli grossolanamente. Mettere lo spicchio d’aglio in camicia dentro la padella con olio, far andare un pò, alzare la fiamma e aggiungere il trito di tonno ed i capperi, salare

  2. Penne al tonno fresco con spiedino

    Mettere il sesamo nel contenitore e passarci, pressandoli, gli spiedini di tonno fino a far aderire i semi ai cubetti di tonno.

  3. Scaldare bene una padella senza aggiunta di olio e metterci gli spiedini, farli rosolare da ogni lato sempre stando attenti che dentro restino rossi. Cuocerli troppo li renderebbe stopposi.

  4. Penne con tonno fresco con spiedini

    Prelevare un cucchiaio abbondante di sugo di tonno, metterlo in un tritatutto insieme ad un pò di olio e ridurlo in crema. Cuocere le penne in acqua salata, toglierle un paio di minuti prima dal fuoco per metterle, insieme ad un paio di ramaioli di acqua di cottura, dentro alla padella del sugo. Aggiungere la crema fatta in precedenza e la menta spezzettata, saltare.

  5. Penne al tonno fresco con spiedino

    Impiattare le penne con abbondante sugo, ancora qualche foglia di menta fresca e, soprattutto, lo spiedino di tonno e sesamo.

    Buon appetito!

Il tocco della cheffa per le penne al tonno fresco con spiedino

Alcuni suggerimenti per non sbagliare le dosi: lo scarto è molto più consistente nei pesci con testa grossa, per esempio rana pescatrice o San Pietro; possiamo dire che, se parliamo di pesce intero, si possono considerare giusti 250 gr a persona, mentre per il pesce a filetti vanno bene 150 gr per persona e, per concludere, 200 gr per il pesce in tranci.

Considerate, quando acquistate del pesce che si deteriora in fretta, difatti dopo due, tre giorni non è più fresco. Togliete sempre al pesce l’incarto del pescivendolo, lavatelo, scolatelo bene e poi avvolgetelo nella stagnola o, in alternativa, porlo in un piatto coperto con pellicola trasparente. metterlo nella parte alta del frigo. Per informazioni più approfondite visitate la mia pagina dedicata al mondo “sommerso” del pesce.

Ricordate che la cottura del pesce è preferibile che non sia eccessivamente lunga, soprattutto perché la carne tenera del pesce tende a diventare stopposa se troppo cotta.

Per molti anni cucinare il pesce è stato considerato difficoltoso, per esempio riuscire a pulirlo, ancora di più ridurlo a filetti e squamarlo. Ancora adesso questo crea delle difficoltà ma le possiamo tranquillamente aggirare chiedendo, per esempio, al nostro pescivendolo di farlo per noi.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lacheffamiranda

Il web mi affascina per le opportunità di condivisione e di conoscenza che offre, mi sono buttata in questa avventura di parlare di quelle che sono le mie passioni e scrivere le ricette di casa mia che amo preparare per le persone vicine al mio cuore e alla nostra casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.