Blog di lacheffamiranda

Stinco alla birra cotto in tegame

Molti sono i piatti che mi fanno pensare all’inverno, a cucine fumose e stufe accese; una di queste é lo stinco alla birra cotto in tegame.

Ho ricordi familiari di lunghe tavole apparecchiate con tovaglie antiche, posate dall’aria vissuta, vassoi fumanti di carni e persone sedute in atteggiamenti conviviali, rilassate e sorridenti.

Va da sé che sono ricordi cari ed indelebili che però la società odierna ridimensiona, tutto, dalla misura della tavola alla quantità di ospiti.

Questa ricetta fa parte della tradizione culinaria Austriaca e Tedesca ed è a base di carne di maiale e noi, da golosi quali siamo, l’abbiamo subito adottata e imparata a cucinare.

Non si può certo dire che questa sia una portata leggera o dietetica ma, ogni tanto, è bello lasciarsi coccolare dalle cose proibite..

Lo stinco è una pietanza molto sostanziosa che definirei un comfort food, dal sapore inconfondibile, morbido, per la lentezza della cottura che può essere realizzata in forno oppure, come in questo caso, in tegame.

Dall’antipasto al dolce alcune ricette della tradizione:

Stinco alla birra cotto in tegame
Servire lo stinco di maiale con un contorno di patate lesse o arrosto
  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo12 Ore
  • Tempo di cottura2 Ore 30 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaTedesca
  • StagionalitàAutunno, Inverno

Ingredienti

Non fatevi spaventare dalla lunga lista che vedete qui di seguito, molte sono ingredienti economici e facilmente reperibili.

Per la marinatura

1.5 kg stinco di maiale
1 l birra scura
3 rametti timo
3 g pepe in grani
2 rametti rosmarino
2 fogli salvia
1 foglia alloro
2 g bacche di ginepro
1 spicchio aglio
2 bacche chiodi di garofano

Per la cottura

1.2 l brodo di carne
1 l birra
100 g cipolla bianca
50 g sedano
25 g olio extravergine d’oliva
100 g carota
1 spicchio aglio
2 rametti rosmarino
3 rametti timo
1 foglia alloro
2 bacche chiodi di garofano
3 bacche ginepro
4 pizzichi sale fino

Per il contorno dello stinco alla birra cotto in tegame

600 g patate
10 g olio extravergine d’oliva
2 pizzichi sale fino
1 l acqua
222,65 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 222,65 (Kcal)
  • Carboidrati 33,82 (g) di cui Zuccheri 3,79 (g)
  • Proteine 4,36 (g)
  • Grassi 8,84 (g) di cui saturi 1,29 (g)di cui insaturi 0,21 (g)
  • Fibre 5,39 (g)
  • Sodio 625,39 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 350 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Strumenti per cucinare lo stinco alla birra cotto in tegame

Potete usare lo stesso tegame della macinatura per cuocere il maiale.

Pentola
Contenitore
Tegame
Teglia da forno Lagostina

Passaggi

Come preparare lo stinco alla birra cotto in tegame

Per cucinare lo stinco dobbiamo, il giorno prima, metterlo in marinatura infatti deve restare per almeno 12 ore sommerso dalla birra e dagli aromi.

Per questo metterlo in una ciotola capiente dove rimanere coperto completamente.
Irrorare con la birra e mettere gli aromi: rosmarino, timo, alloro, ginepro, chiodi di garofano, l’aglio e la salvia.

Il giorno seguente, tenendo conto che la carne necessiterà di una cottura di circa 2 ore e 30′, mettere gli stinchi in un tegame anch’esso capiente con olio, sale e pepe e far rosolare.

Nel frattempo che la carne rosola tagliare a dadolata la carota, il sedano e la cipolla.

Quando gli stinchi di maiale saranno rosolati da tutti i lati aggiungere le verdure e farle cuocere insieme alla carne, per almeno cinque minuti

Preparare la birra, almeno mezzo litro, potete usare anche quella scura anzi, probabilmente è la più adatta.

Dopo aver sfumato con metà brodo vegetale e metà birra, aggiungere nuovi aromi uguali a quelli della marinata, quindi, rosmarino, salvia, aglio, timo, chiodi di garofano e bacche di ginepro leggermente schiacciate.

Coprire il tegame con un coperchio e abbassare leggermente la fiamma. Far cuocere per circa due ore girando ogni tanto gli stinchi di maiale e aggiungendo birra e brodo, se necessita.

Passate circa 2 ore di cottura provare a testare la morbidezza della carne.
Trasferire tutto in una pirofila da forno e, quindi, in forno caldo a 190° per circa 30 minuti, tutto dipenderà dal vostro forno.
Se la carne dovesse asciugarsi inumidirla con il liquido di cottura.
Alla fine azionare il grill del forno per far dorare la superficie della carne.

Togliere, così, gli stinchi dal forno e lasciare coperti con la stagnola per circa 10 minuti, facendo riposare i succhi della carne.

In conclusione servire con un contorno di patate arrosto o lesse, irrorati con il sugo di cottura. Accompagnate questo secondo piatto con un bicchiere di birra ghiacciata.

Stinco alla birra cotto in tegame
Secondo piatto perfetto come piatto unico

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lacheffamiranda

Il web mi affascina per le opportunità di condivisione e di conoscenza che offre, mi sono buttata in questa avventura di parlare di quelle che sono le mie passioni e scrivere le ricette di casa mia che amo preparare per le persone vicine al mio cuore e alla nostra casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.