Blog di lacheffamiranda

Salsa di melanzane al basilico

Salsa di melanzane al basilico – Una ricetta sorprendente per la sua semplicità e la sua bontà. La melanzana si presta a molte preparazioni, questa è una delle tante ma chi la prova non la scorda facilmente.
Crescono con il sole d’estate producendo vistosi fiori viola e grandi foglie che la riparano dai raggi troppo invadenti. Tante varietà differenti per forma ma anche per sapore, piccante ed un pò amarognole quelle oblunghe, dolci quelle tonde; anche i nomi sono differenti da regione in regione, in Toscana si chiamano petonciani, in Sicilia mulinciani e così via sue giù per l’Italia.
E’ comunque uno degli straordinari frutti estivi dell’orto.

Ecco di seguito il mio procedimento per cucinare il tonno infornato con cipolla e pomodorini ed, a fondo pagina, anche i miei suggerimenti.

NOTA BOMBA chi ha provato questo piatto ha anche visto la mia ricetta di questa crema di bucce riciclate di piselli.

Crema di melanzane al basilico
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni10
  • Metodo di cotturaForno elettrico
  • CucinaItaliana
59,57 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 59,57 (Kcal)
  • Carboidrati 1,78 (g) di cui Zuccheri 1,06 (g)
  • Proteine 2,28 (g)
  • Grassi 5,11 (g) di cui saturi 1,65 (g)di cui insaturi 0,64 (g)
  • Fibre 0,92 (g)
  • Sodio 424,21 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 40 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Ingredienti

Iniziate procurandovi gli ingredienti che serviranno, per esempio, stilate una lista precisa per essere sicuri di non dimenticare niente. Di seguito un piccolo aiuto.
  • 300 gmelanzane ovali nere
  • 3 gaglio fresco
  • 60 gparmigiano Reggiano DOP
  • 4 gbasilico (un bel ciuffo)
  • 35 golio extravergine d’oliva
  • 10 gsale fino

Strumenti

Essere organizzati in cucina è essenziale, ci fa risparmiare tempo ed anche avere tutto a portata di mano, che è basilare. Un piccolo promemoria qui sotto.
  • Leccarda
  • Ciotola
  • Frullatore / Mixer

Preparazione

Procediamo quindi alla preparazione della salsa di melanzane al basilico.
  1. Questa semplice preparazione inizia lavando e tagliando a metà le melanzane dopo averle spuntate dal picciolo.

  2. Crema di melanzane al basilico

    A questo punto prendere una placca da forno, rivestitela di carta forno e bucare le melanzane con una forchetta.

    Disporle con la parte tagliata sulla teglia.

    Accendere il forno a 220°.

  3. Quando arriva in temperatura mettere la placca in forno e far cuocere le melanzane per 30 minuti.

  4. Una volta che sono cotte scavarle con un cucchiaio ed estrarre la polpa. Nel caso che vediate acqua mettete la polpa a colare per 15′.

     

  5. Trasferire la polpa nel tritatutto insieme all’aglio, al parmigiano e al basilico, irrorare di olio, salare e pepare.

     

  6. Crema di melanzane al basilico

    Azionare il mixer fino ad ottenere una crema densa e lucida.

    La vostra crema di melanzana è pronta, servitela dopo un’ora o più per darle modo di insaporirsi a dovere!

Il tocco della cheffa

– Quando acquistate le melanzane controllate il picciolo che deve essere tagliato di fresco, la buccia deve essere lucida e liscia, non presentare macchie, al tatto devono essere dure. Una volta aperta si deve presentare compatta e quasi senza semi, i quali, presenti in grande quantità, denotano una maturità avanzata e possono accentuare il sapore amarognolo.

– Si conservano in frigo circa due settimane, da fresche; le melanzane possono essere anche surgelate tagliandole a fette e sbollentandole, quindi adagiatele su dei vassoi e separate gli strati con carta forno.

– Solitamente non si consumano crude a meno di tagliarle sottilissime e sottoponendole a marinatura; gli altri modi sono conosciuti da tutti: fritte, grigliate, mescolate a verdure e la più meravigliosa di tutte: fatta in parmigiana!!

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lacheffamiranda

Il web mi affascina per le opportunità di condivisione e di conoscenza che offre, mi sono buttata in questa avventura di parlare di quelle che sono le mie passioni e scrivere le ricette di casa mia che amo preparare per le persone vicine al mio cuore e alla nostra casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.