Blog di lacheffamiranda

Come conservare il basilico

Come conservare il basilico? Questa è una domanda che almeno una volta tutti ci poniamo.

In questo articolo vorrei illustrare uno dei tanti metodi che si possono usare per riuscire a conservarlo al meglio.

Intanto dobbiamo prendere coscienza che la questione non è semplice e che, difficilmente, riuscirete a mantenere sia il colore, splendido, che l’aroma.

Ma vediamo perchè gli italiani, in particolare, amano questa meravigliosa erba aromatica.

Come conservare il basilico

Piccole info:

Il primo motivo di amore è sicuramente perchè è l’ingrediente più conosciuto per il sugo al pomodoro! Perchè guarnisce la pizza, perchè è il signore indiscusso del famosissimo pesto genovese!

Detto questo proseguiamo con le info. Intanto sappiamo che è annuale e quindi esaurisce il suo percorso in breve tempo.

Quello che ci piace è il suo aroma intenso, il sapere che le sue foglie così verdi sono piene di oli essenziali che fanno tanto bene. Ma che sono anche delicate.

Si può anche ben dire paese che vai basilico che trovi perchè questa pianticella è conosciuta in tutto il globo ed anche coltivata in gran parte di esso.

NON tenete mai il basilico in frigo perchè poco dopo noterete delle macchie scure sulle foglie! Questa erba non ama il freddo, meglio a temperatura ambiente.

Se volete che duri per l’intera estate non fatelo arrivare a fiorire, tagliatelo regolarmente lasciando, 2-4 foglie.

Come conservare il basilico

Modi di conservazione:

Mia mamma raccontava sempre che, mia nonna, seccava tutte le erbe aromatiche per farne scorta per l’inverno.

Il basilico era una di queste. Lo faceva quando il forno a legna, dove cuoceva il pane, era praticamente tiepido.

Io, in questa era moderna, ho acquistato un essiccatore dove essicco le aromatiche, e molto altro, a 40° circa.

E’ un modo per far mantenere il più possibile alle foglie il colore e l’aroma..per cercare di non farle proprio ossidare del tutto, a volte, sbianchisco le foglie per circa 5 secondi in acqua bollente e poi subito in acqua ghiacciata ma, in questo caso, perderanno ancora più aroma.

Altro modo è quello di cogliere le foglie del basilico, lavarle ed asciugarle benissimo, all’aria possibilmente. Una volta asciutte metterle in un contenitore con coperchio e poi nel freezer. Anche in questo caso quando andrete ad usarle fatelo senza scongelare ma, sappiate, che il colore non sopravviverà!

Ecco di seguito il mio ultimo procedimento per conservare il basilico.

Lavare ed asciugare bene le foglie di basilico, senza stropicciarle troppo. Sovrapporle tre o quattro alla volta.

Formare una specie di sigaro con le foglie sovrapposte ed iniziare a tagliarle a chiffonade, cioè a striscioline regolari.

Come conservare il basilico

Utilizzando una forma per fare il ghiaccio, riempite lo spazio con la chiffonade di basilico.

Come conservare il basilico

Riempire le formine con dell’olio di oliva extravergine oppure anche con dell’acqua.

Mettere in congelatore mantenendo il contenitore in orizzontale ed aspettare che il contenuto si ghiacci completamente.

Come conservare il basilico

Quando i contenitori risulteranno perfettamente congelati munirsi di sacchetti da congelo o, meglio ancora, quelli con la zip o anche il sottovuoto, se lo avete.

Togliere i cubetti e metterli nel sacchetto.

Ecco qua la nostra scorta di basilico. Forse non sarà esattamente come quello fresco ma, quando ne avremo bisogno, ci farà ricordare l’estate!!

Possiamo usarlo nei minestroni o nei sughi, nelle frittate e nelle creme salate. Non fatelo stare troppi mesi in congelatore!

NOTA BOMBA chi ha provato questo piatto ha anche visto la mia ricetta di come pulire e preparare gli agretti.

Pubblicato da lacheffamiranda

Il web mi affascina per le opportunità di condivisione e di conoscenza che offre, mi sono buttata in questa avventura di parlare di quelle che sono le mie passioni e scrivere le ricette di casa mia che amo preparare per le persone vicine al mio cuore e alla nostra casa.